Trentino Rosa
cioa

News

08 Luglio 2020,
immagine news Due conferme eccellenti al centro della rete trentina. Per il terzo anno consecutivo Silvia Fondriest ed Eleonora Furlan vestiranno la maglia della Delta Informatica Trentino, formando una coppia di central...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO
05 Luglio 2020,
Arriva direttamente dalla Capitale e con tanta voglia di crescere e migliorare la nuova centrale della Delta Informatica Trentino. Valeria Pizzolato, ...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO
28 Giugno 2020,
Arriva dalla formazione cadetta (B1) dell'Altino Volley la regista che affiancherà Maria Luisa Cumino nel reparto palleggiatrici della Delta Informat...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Leggi tutte le news

Trentino Rosa, nasce il progetto Paideia

Paideia. Un termine che nell’antica Grecia era sinonimo di educazione giovanile, l’addestramento che i giovani ateniesi ricevevano per formarsi nel corpo e nella psiche per diventare persone adulte. Un termine, Paideia, che la Delta Informatica Trentino Rosa ha scelto di legare al suo nuovo ed interessante progetto legato al settore giovanile: l’obiettivo della società del presidente Roberto Postal, infatti, è proprio quello di “trasformare” le giovani atlete in persone adulte, consapevoli del proprio ruolo nella vita di tutti i giorni. La convinta e strategica scelta di Trentino Rosa di non creare un vero e proprio settore giovanile all’interno della società è meditata e deriva dall’aspirazione di fungere da polo di riferimento dell’eccellenza femminile, lasciando al territorio i vivai e concedendo spazio e supporto all’azione delle società locali. Il fatto di poter schierare in prima squadra, in serie A2, alcune giocatrici locali contribuisce inoltre a far “sognare” l’intero movimento sportivo giovanile trentino.
Da quest’anno saranno numerose le società provinciali e non solo che collaboreranno con Trentino Rosa, aderendo al Progetto Paideia: dall’Alta Valsugana all’Ata Trento, dalla Bassa Vallagarina ai Solteri, dal Torrefranca all’Antares Verona, fino al C9 Arco Riva.
L’obiettivo principale è quello agonistico/sportivo ma non solo. È, infatti, anche quello, partendo dalla crescita personale e tecnica delle atlete, dell’insegnamento di un corretto rapporto con il proprio corpo, delle acquisizioni tecnico-tattiche e di un’educazione al rispetto delle regole da portare sia nella pratica sportiva, sia nella vita quotidiana: l’intento è insomma quello di educare con lo sport.
«Il Progetto Paideia Volley nasce, come scelta strategica, nel 2013 con la scelta di non avere un settore giovanile specifico ma di mettere a disposizione delle società del territorio tutte le nostre competenze – spiega Federico Hornbostel, Dirigente Trentino Rosa e Responsabile Progetto Paideia Volley – Crediamo fermamente nell’idea che, aiutando le società giovanili del territorio, possiamo aiutare tutto il movimento pallavolistico provinciale e di conseguenza fare in modo che sempre più atlete trentine possano avere l’aspirazione di arrivare a giocare in serie A. È un netto cambio di filosofia, che può essere tradotto nel motto “insieme per vincere”: insieme con il territorio, insieme con gli sponsor, insieme con i volontari, insieme con le istituzioni. Non c’è niente di più bello che pensare che attraverso un percorso educativo e formativo, che parta dal MiniVolley per arrivare alla serie A e che veda coinvolte 800/1000 atlete, si possano aiutare le nostre ragazze ad assorbire integralmente i valori del nostro sport che poi sono anche quei valori della vita che oggi si stanno sempre di più dimenticando».
Responsabile Tecnico del Progetto Giovani “Paideia Volley” sarà un tecnico carismatico e preparato come Alessandro Zucchelli, Responsabile Tecnico FIPAV Regionale Trentino Alto Adige, che provvederà, in sinergia con i dirigenti della Trentino Rosa e delle società aderenti al progetto, a strutturare ed organizzare le iniziative per i prossimi anni, ad organizzare allenamenti congiunti e competizioni inter-giovanili con la presenza di giocatrici di A2, ad organizzare incontri fra allenatori e preparatori tecnici della squadra di A2 e allenatori delle squadre giovanili, ad invitare le migliori atlete delle società aderenti al progetto agli allenamenti con la squadra di serie A2.