Trentino Rosa
cioa

News

30 Luglio 2020,
immagine news Il presidente Roberto Postal e il consiglio d'amministrazione hanno mantenuto la parola (e la promessa): «Entro il 2020 puntiamo a raggiungere la serie A1»: questa è la frase che in tempi non sospetti, quando la Delta Informatica Trentin...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO
24 Luglio 2020,
Nella giornata di oggi la società Trentino Rosa srl ha inviato una comunicazione ufficiale, firmata dal presidente Roberto Postal, alla Federazione I...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO
19 Luglio 2020,
La filosofia di fondo è la medesima: un team giovane che sogna e punta in grande. Questa è la mentalità che accomuna Trentino Rosa, al settimo anno...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Leggi tutte le news

Delta Informatica, la sfida con Martignacco verrà recuperata mercoledì 18 marzo (ore 18 al Sanbàpolis). Intervento chirurgico perfettamente riuscito per Moncada

La sfida tra Delta Informatica Trentino e Itas Città Fiera Martignacco, prevista da calendario per domenica 1 marzo e rinviata per l’emergenza Coronavirus al pari dell’intera giornata del campionato di serie A2 femminile e di tutte le altre competizioni pallavolistiche nazionali, verrà recuperata mercoledì 18 marzo con fischio d’inizio alle ore 18 al Sanbàpolis. Le gialloblù di Matteo Bertini, salvo nuove disposizioni da parte della Federazione e della Lega Pallavolo, torneranno in campo domenica 8 marzo a San Giovanni in Marignano per sfidare la vice capolista Omag nel big match valido per la quinta ed ultima giornata d’andata della pool promozione. Il match con il Geovillage Hermaea Olbia, valido per la prima giornata di ritorno, sarà invece quasi certamente anticipato da domenica 15 a sabato 14 marzo, con fischio d’inizio alle 20.30 al Sanbàpolis.

Nel frattempo la società comunica che la propria alzatrice Elisa Moncada, infortunatasi al ginocchio nel giorno di Santo Stefano sul parquet di Montecchio Maggiore, è stata sottoposta nei giorni scorsi ad un intervento chirurgico per la ricostruzione del legamento crociato del ginocchio sinistro. L’intervento, eseguito a Trento dal dottor Giorgio Benigni, è perfettamente riuscito.