Trentino Rosa

News

15 aprile 2019,
immagine news Non basta una Delta Informatica Trentino spettacolare per centrare la promozione diretta in serie A1. La formazione di Nicola Negro vince e convince sul difficilissimo campo piemontese di Mondovì ma la contestuale vittoria di Perugia al ti...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO
12 aprile 2019,
Una trasferta molto impegnativa ma che potrebbe regalare alla Delta Informatica Trentino un risultato storico per la pallavolo regionale. La sfida in ...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO
11 aprile 2019,
Pochi giorni separano ancora la Delta Informatica Trentino dall'ultimo impegno stagionale della pool promozione, un'ultima giornata che potrebbe rivel...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Leggi tutte le news

“Settebello” Delta Informatica Trentino, a Orvieto il muro gialloblù non lascia scampo neppure alla Zambelli. Trento si porta a -2 dalla capolista Perugia, domenica c’è Martignacco

sito

Con una prestazione maiuscola, impreziosita dalla bellezza di 15 muri, la Delta Informatica Trentino espugna con merito ed autorità il parquet della Zambelli Orvieto, infilando il settimo successo consecutivo in una pool promozione fin qui quasi impeccabile. Anche in terra umbra il sestetto di Negro ha offerto una prova davvero convincente sotto ogni punto di vista, aggrappandosi a tratti ad una sontuosa McClendon (17 punti con il 55% a rete) ma non solo, perché l’intero “settetto” gialloblù ha saputo esprimersi su livelli eccellenti: brillante Moncada in regia, attentissima Moro in ricezione (75%), eccellenti le centrali a muro (4 stampi per Furlan), preziosissime le giocatrici entrate a gara in corso, su tutte Mason e Carraro, a segno con due ace di grande importanza.
Negro conferma il medesimo assetto che ha superato sette giorni fa Soverato, schierando Moncada al palleggio, Giorgia Mazzon opposto (in staffetta con Mason), McClendon e Fiesoli laterali, Fondriest e Furlan al centro e Moro libero. Nessuna sorpresa neppure nella metà campo della Zambelli, che in settimana ha salutato la schiacciatrice brasiliana Stavnetchei, rientrata in patria anzitempo per un problema fisico: Solforati si affida in avvio a Prandi in regia, Decortes opposto, D’Odorico e Bussoli in posto-4, Montani e Ciarrocchi al centro e Cecchetto libero.
Grande equilibrio in avvio di gara con entrambe le squadre che forzano il servizio per creare più grattacapi possibili al cambio-palla avversario (9-7). Moncada, dopo aver insistito nel gioco al centro, trova in McClendon un punto di riferimento affidabile per mantenere il ritmo della Zambelli (12-11 con tre spunti filati dell’americana), agguantata dalla doppia al palleggio di Prandi (12-12). La pipe di McClendon, propiziata da una bella difesa di Mason, vale il sorpasso trentino (13-14) ma il turno al servizio di Bussoli, impreziosito da un ace, capovolge nuovamente la situazione con la Zambelli sul +2 (17-15). La Delta Informatica non molla la presa e torna in parità con il muro di Giorgia Mazzon, prima di un errore in attacco di Montani che spedisce Trento in vantaggio (17-18). McClendon e Fondriest consentono alle gialloblù di mantenersi avanti nel punteggio ma la Zambelli non smette di crederci, tornando in parità sul 22-22. Il finale è tutto di marca trentina: Negro inserisce Vianello al servizio e la mossa si rivela azzeccata perchè giungono immediatamente i due break decisivi, con l’errore al centro di Montani e il muro vincente di Furlan su Decortes (22-25).
Equilibrio in avvio di secondo set (9-9), spezzato dal turno al servizio di Montani, che in una fase del match non particolarmente bella trova un break immediatamente però annullato dalle gialloblù (11-11). Le due squadre incappano in qualche sbavatura di troppo, in attacco e al servizio, primo dello spunto al servizio di Ciarrocchi che manda la Zambelli sul +2 (15-13). Ordine e disciplina tradiscono Trento, meno performante del solito a muro e in difesa (18-15). Negro prova a giocarsi anche le carte Carraro e Tosi (doppio cambio) ma Prandi trova in Decortes un’arma micidiale in grado di eludere il sistema muro-difesa trentino con maggiore regolarità rispetto al primo set (23-19). Trento sembra alle corde ma nel momento di maggiore difficoltà estrae gli artigli: Furlan e Fiesoli suonano la carica a muro (24-22), la Delta annulla tre set point, l’ultimo con una difesa irreale di Moncada trasformata nel 24-24 dalla pipe di Fiesoli. Il muro di McClendo su Montani vale il sorpasso (24-25), la Zambelli perde la bussola e regala il punto del 25-27 a Trento.
Le umbre accusano il colpo in avvio di terzo set con il man-out di Fiesoli e l’errore di Ciarrocchi che regalano a Trento il primo break del parziale (4-7). La Zambelli ritrova però immediatamente lucidità e la frazione diventa decisamente più intensa ed equilibrata (11-12); Negro pesca il jolly dalla panchina con l’ace di Mason, al resto ci pensa il muro dolomitico, a segno con Fondriest prima e Moncada immediatamente dopo (14-17). Orvieto, però, continua a crederci e in un batter d’occhio la situazione si rovescia: l’ace di Montani vale la parità (19-19), il muro di Prandi il sorpasso umbro (20-19) con Negro costretto a chiamare time out dopo aver rimediato un giallo per proteste. Giorgia Mazzon si scuote a muro e Trento torna a condurre (20-21), Carraro si esalta al servizio, servendo poi a McClendon il preciso pallone del 21-23. Solforati chiama time out ma al rientro in campo è ancora Carraro a far danni dalla linea del servizio con l’ace del 21-24 e il mezzo ace che Fondriest trasforma nel 21-25.
«Per l’ennesima volta devo fare i complimenti alle ragazze, perché anche oggi hanno offerto una prestazione di grande spessore – spiega a fine gara Nicola Negro, tecnico della Delta Informatica Trentino – L’avevo detto all’inizio della pool promozione, giochiamo una gara per volta e solamente alla fine tireremo le somme. Con la vittoria di oggi i successi consecutivi sono diventati sette, un’affermazione non semplice perché ottenuta contro una squadra che ha saputo comunque metterci in difficoltà, nonostante il tre a zero finale. Il muro anche in questa occasione si è rivelato l’aspetto del nostro gioco più convincente con 15 punti diretti ottenuti in tre soli set a pochi giorni di distanza dall’ottima prestazione offerta a Palmi sempre in questo fondamentale. Mason e Carraro? Bravissime ma uno dei segreti della nostra squadra è proprio questo, la capacità di tutte le ragazze di farsi trovare pronte quando vengono chiamate in causa».

Il tabellino della partita giocata al PalaPapini di Orvieto

Zambelli Orvieto – Delta Informatica Trentino 0-3
Parziali: 22-25, 25-27, 21-25
Zambelli Orvieto: Prandi 1, Decortes 15, D’Odorico 10, Bussoli 7, Montani 10, Ciarrocchi 6, Cecchetto (L); Mucciola 0, Angelini ne, Kantor ne, Venturini ne, Quiligotti (L) ne. All. Solforati
Delta Informatica Trentino: Moncada 3, Mazzon G. 10, McClendon 17, Fiesoli 10, Furlan 6, Fondriest 8, Moro (L); Mason 1, Carraro 1, Tosi 0, Mazzon A. ne, Vianello 0. All. Nicola Negro
Arbitri: Andrea Rossetti e Deborah Proietti
Durata set: 25′, 30′, 25′ (totale: 1h20′)
Note: Zambelli Orvieto (attacco 40, muro 4, ace 5, errori azione 10, errori battuta 9), Delta Informatica Trentino (attacco 39, muro 15, ace 2, errori azione 6, errori battuta 10). Spettatori 300 circa.