Trentino Rosa

News

20 Ottobre 2019,
immagine news

In un Sanbàpolis vestito a festa, con cinquecento ed oltre persone sugli spalti assieme alle ragazze delle squadre Under 13, 14, 16 e 18 del Progetto Paideia, la Delta Informatica Trentino archivia in tre soli set ...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

18 Ottobre 2019,

Dopo l'affermazione netta ottenuta con Roma e quella più sofferta centrata sul difficile parquet di Ravenna, è ancora tempo...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

13 Ottobre 2019,

Sono servite due ore ed oltre di gioco alla Delta Informatica Trentino per violare il PalaCosta di Ravenna e ottenere la seco...
LEGGI TUTTO L'ARTICOLO


Leggi tutte le news

La Delta Informatica Trentino si toglie il velo alla vigilia dell’esordio in campionato. Postal: «Ripartiamo da quanto fatto lo scorso anno per confermarci al vertice della serie A2»

Una location nuova di zecca per il vernissage della rinnovata Delta Informatica Trentino. Presso il Ristorante Niky’s di Trento, prezioso partner di Trentino Rosa, si è tenuta la presentazione ufficiale della squadra di patron Roberto Postal, che domani pomeriggio al Sanbàpolis farà il proprio esordio stagionale nel campionato di serie A2 femminile, torneo che vedrà le gialloblù ai nastri di partenza per il sesto anno consecutivo.

«Siamo reduci da una cavalcata esaltante compiuta lo scorso anno – spiega il presidente di Trentino Rosa Roberto Postal – e vogliamo ripartire da lì, dalla promozione in A1 sfiorata e mancata davvero per un soffio. Nell’ultimo anno l’attenzione di media e tifosi nei confronti della nostra realtà è ulteriormente cresciuta, a conferma dell’ottimo lavoro che stiamo svolgendo ormai da qualche stagione. Ripartiamo da un nuovo allenatore, da sette ragazze nuove molto motivate e da alcune conferme importantissime riguardanti l’ossatura della squadra. Obiettivi: portare sempre più persone al Sanbàpolis a seguire lo spettacolo che offriamo e cercare di confermarci al vertice dell’A2 alzando ulteriormente l’asticella».

«La Delta Informatica ha portato in alto il nome di Trento e dello sport femminile, sapendo esprimere uno spettacolo di alto livello e riuscendo a coinvolgere i suoi tifosi – spiega Paola Mora, presidente del Coni di Trento – Sono certa che anche quest’anno le ragazze sapranno onorare la maglia che indossano e veicolare in giro per l’Italia l’immagine pulita e positiva di Trentino Rosa».

«Ringrazio il presidente Postal per la passione e per il cuore che mette in questa avventura – aggiunge Tiziano Uez, assessore allo sport del Comune di Trento – E’ stato bello vedere il Sanbàpolis gremito nel finale della scorsa stagione, speriamo rappresenti un punto di partenza per un’altra annata ricca di soddisfazioni».

«Da grande appassionato di pallavolo ho voluto essere presente a questo incontro per portare il saluto e la vicinanza della Provincia di Trento – Walter Kaswalder, presidente del Consiglio Provinciale di Trento – La promozione sfiorata lo scorso anno deve essere lo stimolo per ripartire con rinnovato entusiasmo con l’obiettivo di crescere ancora e di raggiungere grandi traguardi».

«Trentino Rosa rappresenta l’eccellenza in regione per quanto riguarda la pallavolo femminile – spiega Massimo Dalfovo, presidente della Fipav regionale – Saluto con affetto il presidente Postal e la sua grande “squadra” che da anni veicola il nome e l’immagine di Trento in tutti i palazzetti d’Italia. La squadra è un giusto mix tra ragazze giovani e atlete più esperte, ingredienti che fanno ben sperare in vista di una stagione che speriamo riservi grandi soddisfazioni».

Al termine dei saluti e dei discorsi istituzionali, sono stati presentati i membri dello staff capitanato da Matteo Bertini e tutte le dodici giocatrici della rosa. «Ho buone sensazioni fin dal primo giorno che sono arrivato a Trento – conclude Matteo Bertini, nuovo allenatore della Delta Informatica Trentino – Questa presentazione è la fotografia di una società seria e professionale, ma al tempo stesso umile e famigliare. La voglia di arrivare vista finora in palestra è la caratteristica che mi ha colpito maggiormente e che dovrà contraddistinguere il nostro percorso».